Benvenuti!
Anche su Facebook

giovedì 1 dicembre 2011

Crostata alla Crema Pasticcera variegata


Si va bene .... lo ammetto!!! CAKE AMA LE CROSTATE!!!
Le amo perchè sono belle, sempre diverse e originali, sempre profumate e dolci e se poi una buonissima Pasta frolla è arricchita da della Crema Pasticcera variegata alla marmellata... bè le amo ancora di più!
E se poi la marmellata è un vasetto di quelli artigianali, di quelli che hanno un colore intenso, vero! proprio il colore delle more...bè e allora è il top!


Crostata alla Crema Pasticcera variegata

Dosi per una teglia da crostata di circa 26cm di diametro
Per la Pasta frolla friabile delle Sorelle Simili:
400gr di farina 00 per dolci
200gr di burro freddo
4 tuorli
160gr di zucchero a velo (anche meno dato che la crema è molto dolce)
un pizzico di sale
scorza grattuggiata di limone


Per la crema pasticcera corposa:

Ricetta presa dal blog di Pinella http://idolcidipinella.blogspot.com/
350gr di latte fresco intero
150gr di panna fresca
120gr di zucchero semolato
30gr di amido di mais "Maizena"
6 tuorli
scorza di mezzo limone

Inoltre:
marmellata a piacere (io alle more)



Preparate prima la crema.
Scaldate il latte con metà dose dello zucchero e la scorza del limone (attenzione a non prendere la parte bianca) finchè sia abbastanza caldo ma senza raggiungere il bollore.
Togliete dal fuoco e lasciate in infusione per almeno 30 minuti.
Filtrate il latte in modo da togliere la scorza del limone, scaldate di nuovo Scaldate in una casseruola ma senza raggiungere il bollore.
Nel frattempo in una ciotola amalgamate con una frusta manuale i tuorli con il restante zucchero e la farina facendola cadere direttamente da un setaccio (girate finchè gli ingredienti saranno ben amalgamati e il composto si presenta liscio e senza grumi).
Versate a filo circa metà del latte caldo nel composto di uova, farina e zucchero e mescolate bene con la frusta.
Riportate il tutto nella casseruola con il restate latte caldo, rimettete su fuoco moderato e girado sempre in continuazione cuocete la crema finchè non sarà bella densa.
Appena la crema è pronta, passatela al setaccio (con un colino cinese) e versatela immediatamente in un'altra ciotola.
Coprite con la pellicola per alimenti, direttamente a contatto con la crema e fatela freddare con l'aiuto di un bagno-maria ghiacciato (per evitare la formazione di batteri).


Mentre la crema raffredda preparate la Pasta frolla.
Ponete la farina in una ciotola, insieme al pizzico di sale e al burro freddo tagliato a pezzetti.
Sfregate velocemente con le dita il burro con la farina, con il pollice e l'indice in un movimento simile a quello che si usa per indicare i soldi, fino ad ottenere un composto sabbioso che disporrete a fontana su una spiana.
Al centro della fontana ponete lo zucchero a velo, i tuorli e la scorza del limone.
Con una forchetta amalgamate prima questi ultimi e poi unite anche il composto sabbioso (farina e burro).
Con una spatola, aprite e separate l'impasto, strisciatelo sulla spiana per far assorbire le uova alla farina.
Non ammassate, ma separate continuamente l'impasto finchè la farina sarà ben assorbita dalle uova.
Utilizzando sempre la spatola, compattare l'impasto premendo sulla spiana, dividetelo a metà e sovrapponetelo di nuovo per tre volte.
Una volta amalgamato il tutto, fate ruotare l'imapsto sulla spiana con il palmo della mano, formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola per alimenti o carta stagnola e lasciatelo riposare in frigo almeno trenta minuti prima di usarlo.
Si usa la spatola, perchè il burro a contatto con il calore delle mani tende a scaldarsi e questo non sarebbe d'aiuto per ottenere una frolla bella friabile.
Si può comunque proseguire a mano se non si possiede la spatola cercando di essere molto veloci nell'impastare.

Passati i trenta minuti riprendete il panetto dal frigo e accendete il forno a 180°.

Stendete la Pasta frolla sul piano di lavoro e rivestite con essa il fondo e i bordi di una teglia per crostate precedentemente imburarta e infarinata.
Praticate dei buchetti sulla base di frolla con una forchetta ,versate all'interno la marmellata e la crema oramai fredda, creando una variegatura a piacere.
Con la Pasta frolla rimasta se volete formate delle strisce da applicare a griglia sulla marmellata.
Per ottenere un risultato ottimale porre la teglia in frigo almeno 20 minuti prima del passaggio in forno.
Infornate in forno già caldo a 180° per circa 40 minuti o poco più, o comunque fino a leggera doratura.

I tempi di cottura possono variare in base alla potenza del forno e all'altezza della crostata.
Ricordate di farla cuocere nel secondo ripiano del forno.
Se volete un bel colore dorato, spennellate del tuorlo battuto sulla Pasta frolla prima di infornare o anche dopo 15/20 minuti di cottura.(decidete in base al colore che volete ottenere, se più scuro o più chiaro)
Una volta cotta, lasciatela freddare bene e poi toglietela dalla teglia.

Spolverate con dello zucchero a velo e gustate :)

8 commenti:

  1. Ciao, sei bravissima!!!!!!! ogni volta che guardo le tue creazioni resto incantata! avrei un paio di Domandine visto che vorrei farla: quanto è alta la base di pasta frolla per questa crostata? perchè molte volte le mie crostate hanno una base molto sottile e si sente di più il gusto della farcia. x ottenere le variegature hai messo la marmellata sulla frolla e poi hai versato la crema e hai disegnato dei cerchi concentrici? per ottenere un effetto così lucido hai spennellato della gelatina? scusami se ti ho fatto troppe domande ma a me i dolci non riescono mai perfetti quindi ho tanta voglia di perfezionarmi!ho riprodotto la tua frolla, non ti dico quanta fatica non avendo la spatola! ho ripiegato su un cucchiaio ma non mi è venuta perfetta come la tua... accetto consigli.
    Una tua coetanea, carmen

    RispondiElimina
  2. Ciao Carmen :) prima di tutto ti ringrazio!
    La base di frolla a me piace altina, ma in questo caso non lo è molto perchè il mio panetto era piccolo e doveva bastare ;)
    Per la variegatura è come dici te più o meno, in particolare ho messo poca marmellata sul fondo, poi la crema e un altro pò di marmellata sopra, poi con una forchetta ho disegnato dei cerchi ;)
    Ti dirò un segreto : non lo dico perchè preferisco riportare la ricetta originale delle Sorelle Simili alla lettera anche nel procedimento, ma spesso quando non ho molto tempo a disposizione, io tralascio la spatola e impasto tutto a mano! l'importante è il successivo riposo in frigo e anche così viene buona, quasi uguale! kiss kiss

    RispondiElimina
  3. ah! diemnticavo... no no niente gelatina è al nature ;)

    RispondiElimina
  4. ok allora la base lascio un pò più alta e il cucchiaio lo lascio nel cassetto :D speriamo venga bene, la farò e ti faccio sapere. grazie sei stata molto gentile. un abbraccio... alla prossima ricetta ;)

    RispondiElimina
  5. per questa volta lascialo anche nel cassetto, ma se puoi prova anche l'impasto originale appena trovi una spatola :) bacissimi

    RispondiElimina
  6. che spettacolo!!! complimenti!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. Mmmm. buonissima e pure bella da vedere ;-)

    RispondiElimina
  8. E' un vero incanto questa crostata, immagino la sua bontà...bravissima

    RispondiElimina